E' tempo di crisi, ma all'Italia rimane il primato di Dop e Igp
Nonostante mille ostacoli, continua la corsa a nuovi riconoscimenti. Le denominazioni d´origine sono un valore che può diventare strategico per il rilancio di agricoltura e turismo.

Ad oggi sono 116 i prodotti italiani riconosciuti dalla Unione europea con marchio Dop (denominazione di origine protetta) e 64 quelli con marchio Igp (Indicazione geografica protetta), con una sola Stg (specialità tradizionale garantita), la mozzarella, che riguarda i territori dei rimanenti 26 paesi dell´Unione europea.

In pratica 182 le Dop, Igp e Stg che pongono l´Italia al vertice della graduatoria dei riconoscimenti, prima della Francia (165), della Spagna (125), del Portogallo (115), della Grecia (86), per un totale di 673 sui 862 complessivi, cioè quasi 4 prodotti su cinque provengono dai Paesi del Mediterraneo e uno su cinque dall´Italia, a testimoniare le straordinarie potenzialità del sud dell´Europa in quanto a offerta di prodotti ricchi di qualità e di diversità.

Una manna per le multinazionali che lavorano per la omologazione del gusto, contro le nostre eccellenze che hanno il torto di avere una qualità intrinseca, quella dell´origine, e di presentare una tracciabilità, con la garanzia dei controlli che rendono tranquilli il consumatore, soprattutto quello che sa l´importanza dell´alimentazione e il rapporto stretto che essa ha con lo stato di salute e di benessere.

Nonostante i mille ostacoli che il mondo contadino e quello istituzionale si trovano a dover superare, continua la corsa a nuovi riconoscimenti con 83 disciplinari di produzione, tra i quali c´è anche una Stg, la "Pizza napoletana, all´esame della Unione europea sulla base dei Regolamenti 509 e 510 del 2006. Ben 62 di queste denominazioni (35 Dop e 27 Igp), sono, ai sensi dell´art. 5 del regolamento 510, in protezione transitoria, cioè hanno a disposizione del tempo per adeguarsi.

Altrettanto numerose sono le richieste di modifica in corso, soprattutto per le denominazioni che hanno una esperienza di mercato alle spalle.
venerdì 16 ottobre 2009

Fornitori AVPN


Molino Cosma
Marana Forni
Ferrara Forni
La Valle
Mecnosud
Valoriani
Pizzastyle
Di Vicino Forni
Bongiovanni
Polselli
Euroiovine
Cirio
Molino Piantoni
Cediform
Terraviva
Gerardo Di Nola
Acunto Forni
Il Faggetto SITTA
Caputo
Ciao Pomodoro
Ponticorvo
Molino Quaglia
KBirr
Marra Forni
Perteghella
Inpact
Latteria Sorrentina
Molino Grassi
Molino Dalla Giovanna
Manna Forni
Del Prete Legnami
Esmach
Meking
Authentico
La Fiammante
Molini Spigadoro
Olitalia
Molino Pasini
Agugiaro - 5 Stagioni
Gimetal
MIRA SUD
Gargiulo
Denti Farina
Molino Iaquone
Solania
Sokan Communication
 
 
  • Tel/fax: +39 081 420 12 05 (Lunedì - Venerdì 10-13:30 / 15-18)
© Copyright 2020 Associazione Verace Pizza Napoletana | Tutti i diritti sono riservati
Sede Legale: Associazione Verace Pizza Napoletana, Via dei mille 16, 80121 Napoli, Italia - C.F./P.IVA: 07801000634
Sede organizzativa e scuola di formazione: Via Capodimonte 19a, 80131 Napoli, Italia
Privacy Policy - Cookies Policy
Sito protetto da reCAPTCHA: Privacy - Termini