Pizza napoletana: l'europa boccia il marchio di tutela
Il Mattino
di Luciano Pignataro
La gastronomia Bruxelles: troppo generico.
Un anno fa avevano festeggiato davanti alle telecamere di mezzo mondo. Oggi si vedranno a via dei Tribunali per studiare come difendere quel marchio Stg (specialità tradizionale garantita) che avevano ottenuto dopo anni di pressioni, discussioni e battaglie. Già, perché introdurre un disciplinare sulla pizza, l´alimento più poliedrico di tutti a tavola, non è facile. Ed è proprio questo il succo della contestazione mossa dagli esperti europei: con queste regole così larghe c´è il rischio di dare al consumatore un prodotto poco definito con ampio margine di manovra per i soliti furbi. «È davvero singolare - dice il presidente dell´Assoristoratori Fipe di Napoli Massimo Di Porzio della storica pizzeria Umberto - che ad un anno esatto dall'approvazione del marchio i burocrati della Ue vogliano rivedere una regola (quella della registrazione della ricetta senza riserva di nome) che garantisce comunque la protezione del marchio Stg. Per noi l'adesione al marchio Stg deve avere assolutamente carattere volontario: sarebbe davvero restrittivo circoscrivere il nome «pizza napoletana» e imporre delle regole tassative (magari controllate da ingegneri) ad un prodotto che per definizione è artigianale: un esempio? Non si potrebbe usare più il fiordilatte, anche se di qualità, perchè il disciplinare non lo prevede. Allora la margherita non sarebbe più pizza napoletana? Ma non scherziamo, sarebbe un vero e proprio scippo!» Eppure la pronuncia di Bruxelles era il documento che l'Italia attendeva da anni: una proposta della Commissione europea in grado di portare al giusto valore la politica di qualità alimentare in Europa, di cui il nostro Paese è leader. Uno dei punti forti della proposta - oltre a gettare le basi per introdurre l'etichetta d'origine obbligatoria per i prodotti agricoli - è quella di rafforzare il regime di tutela delle Denominazioni d'origine e Indicazioni geografiche (Dop-Igp), e delle Specialità tradizionali garantite. Quest'ultime, sono l'anello più debole del sistema e per questo Bruxelles vuole sopprime quelle Stg che non hanno protetto il loro nome, come appunto la «Pizza Napoletana Stg», ma solo la ricetta. Se la proposta sarà accolta dal Consiglio Ue, la «Pizza Napoletana Stg» potrebbe sopravvivere al massimo per un periodo transitorio che finirebbe nel 2017. Per salvare il marchio Stg, l'Italia dovrebbe presentare una nuova domanda di registrazione all'Ue con l'aggiunta di un termine all'attuale denominazione: ad esempio «Pizza Napoletana Verace» o «Pizza Napoletana Tradizionale». Non è però ancora detta l'ultima parola. Il dibattito nell'Ue inizierà domani al Consiglio dei ministri dell'agricoltura e impiegherà mesi prima di concludersi. «A noi - conclude Porzio - non interessa introdurre regole impossibili da applicare ad un prodotto come la pizza, ma soprattutto legarlo a Napoli». l.pigna.
Saturday 11 December 2010

AVPN Approved Suppliers


Mecnosud
Pizzastyle
Solania
Spigadoro
Molino Piantoni
Acunto Ovens
Caputo
Manna Forni
Cosma
Denti Flours
Dalla Giovanna
La Valle
Agugiaro - 5 Stagioni
Gargiulo
Latteria Sorrentina
Gerardo Di Nola
Molino Iaquone
Euroiovine
 Del Prete Legnami
Ponticorvo
Il Faggetto SITTA
Marana Forni
Ferrara Forni
Perteghella
Di Vicino Forni
Grassi
Molini Bongiovanni
Marra Forni
MIRA SUD
Cediform
Olitalia
La Fiammante
Inpact
Meking
Forno Santo
Pasini
Valoriani
Gimetal
Ciao Pomodoro
Authentico
Polselli
Esmach
Molino Quaglia
Cirio
 
 
  • Tel/fax: +39 081 420 12 05 (Mon - Fri 10-13:30 / 15-18)
© Copyright 2020 Associazione Verace Pizza Napoletana | All rights reserved
Registered Office: Associazione Verace Pizza Napoletana, Via Capodimonte 19a, 80131 Napoli, Italia - C.F./P.IVA: 07801000634
Organizational headquarters and training school: Via Capodimonte 19a, 80131 Napoli, Italia
Privacy Policy - Cookies Policy
Site protected by reCAPTCHA: Privacy - Terms